Secondo la Bibbia la morte è uno stato non voluto da Dio ma conseguente al peccato originale: ‘Conoscerete il bene e il male e positivamente morirete!‘.

Dio ci ha creato per sempre e Lui mantiene sempre le sue promesse. Nel Salmo 89:34 (NR): “Non violerò il mio patto e non muterò quanto ho promesso”.

Ci è stata promessa la vita eterna. In 1 Giovanni 2:25 : “E questa è la promessa che egli ci ha fatta: la vita eterna.

La fedelta’ di Dio e’ vera ed e’ stata dimostrata molte volte. Nelle Scritture possiamo vedere che Dio e’ fedele e che la sua Parola e’ vera. Ebrei 6:18 afferma che Dio non puo’ mentire, ne’ puo’ venire meno alle promesse incondizionate che egli fa. Egli rimane fedele ad ogni patto che stipula. Ogni promessa o profezia viene mantenuta. La Bibbia e’ piena di testimonianze della fedelta’ di Dio e molti ancora oggi testimoniano della sua fedelta’.

Ci sono ben 277 occasioni nella Bibbia nelle quali Dio stipula un patto con il suo popolo. Deuteronomio 7:9 afferma che: Riconosci dunque che il SIGNORE, il tuo Dio, è Dio: il Dio fedele, che mantiene il suo patto e la sua bontà fino alla millesima generazione verso quelli che lo amano e osservano i suoi comandamenti.

Dio è stato fedele alla sua promessa e la potenza del male non ha potuto estinguere la donazione divina di Gesù, come manifesta la Risurrezione. La forza salvifica che Dio ha introdotto nel mondo per mezzo dell’Incarnazione di suo Figlio, e soprattutto per mezzo della sua Risurrezione, è la novità assoluta, universale e permanente. Si nota fin dall’inizio della predicazione apostolica: con una gioia traboccante, gli apostoli hanno proclamato per tutta la Giudea, nell’Impero Romano e nel mondo intero che Gesù era risuscitato; che il mondo poteva cambiare, che ogni donna, ogni uomo potevano cambiare; che ormai non erano sottomessi alla legge del peccato e della morte eterna. Cristo, seduto alla destra del Padre, dice: Ecco, io faccio nuove tutte le cose (Ap 21,5). In Cristo, Dio ha preso in mano in modo nuovo le redini del mondo e della storia umana per portarle alla piena realizzazione. I cristiani della prima ora, malgrado tutte le difficoltà che hanno avuto, guardavano al futuro con speranza e ottimismo. E contagiavano la loro fede tra tutte le persone che avevano attorno.

La vita non termina qui; siamo sicuri che il sacrificio nascosto e la donazione generosa hanno un senso e un premio che, per la magnanima misericordia di Dio, vanno ben oltre quello che l’uomo potrebbe sperare con le sue sole forze. “Se qualche volta ti inquieta il pensiero di nostra sorella morte, perché ti vedi così piccola cosa, fatti animo e considera: che cosa sarà il Cielo che ci attende, quando tutta la bellezza e la grandezza, tutta la felicità e l’Amore infiniti di Dio si riverseranno nel povero vaso d’argilla che è la creatura umana, per saziarla eternamente, sempre con la novità di una felicità nuova?“ (San Josemaría, Solco, n. 891).

Il Santo di Assisi, con la sua fede, sembra dirci: Non si vive per morire, ma si muore per vivere; è l’invito a liberarci dagli idoli che ci tengono prigionieri. Se sapremo farlo, dentro di noi potrà accendersi una consapevolezza nuova: «Laudato sì, mi Signore, per sora nostra morte corporale, da la quale nullo omo vivente po’ scampare. Guai a quelli che morrano ne le peccata mortali! Beati quelli che troverà ne le tue sactissime voluntati, ca la morte secunda no li farà male».

“Quando arriverà l’indesiderata delle Genti, la udrai pronunciare queste parole:”E’ giusto chiedere: «Padre mio, Padre mio, perché mi hai abbandonato?»(cit.)

“Tu rispondi NO perché il Padre tuo che è nei cieli non ti ha mai abbandonato; chiedi perdono dei tuoi peccati con tutto il tuo cuore e la misericordia di Dio scenderà su di te, rivestendoti con una veste bianca e Gesù guardandoti negli occhi ti dirà:

“In quest’ultimo secondo della tua vita terrena, io ho ritrovato il tuo cuore; hai rivolto a Dio il tuo amore e la tua anima non è più perduta. Tu hai capito che Dio ti ama e ti sei trasformato in lode.

“‘E per questo ti porterò in Paradiso.‘”


Lascia un Commento