Mentre salivo i miei pensieri vagavano e notai che quel giorno, sul Krizevac a Medjugorje, c’erano molti pellegrini. Penso che per loro, così come per me, quella scalata rappresentava un invito a incontrare Gesù nella sua Passione ed a scoprire il suo amore.

Alcuni di loro erano scalzi ed i gruppi guidati dai sacerdoti spesso sostavano e si raccoglievano in preghiera. Percepivo in tutti una forte devozione: persone di tutti i ceti sociali e di tutte le nazioni scalavano il monte alla ricerca di Gesù e del suo infinito amore. Mi ricordai la parabola di Gesù:

«Ebbene io vi dico: Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto.»

(Luca 11, 9-10)

Era la fede che spingeva quelle persone a bussare, a chiedere e a cercare. Molti di loro sicuramente vengono a ringraziarlo, a lodarlo, a rendergli gloria:

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e vai, la tua fede ti ha salvato!»

(Luca 17, 11-19)

Quando apriamo le porte del cuore allo Spirito Santo, la nostra vita subisce un gran cambiamento: l’amore guiderà le nostre scelte, e la serenità si poserà sul nostro animo:

«Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà al posto del pesce una serpe? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!»

(Luca 11, 11-13)

Tutto questo è bellissimo e dà speranza, in un momento in cui il mondo non ha più bisogno di Dio e l’indifferenza nei suoi confronti regna sovrana.

(Articolo di Maurizio Marrani)

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Ora puoi decidere di condividerlo, inviarlo per e-mail o stamparlo!


1 Commento

Lascia un Commento